Malfalda con Panelle, ricetta (sicilian recipe)

I do apologize with my all non-italian readers, but this is going to be very long and quite difficult to translate in english. “Panelle” is a typical west sicilian poor meal and it’s basically fried slices of chickpeas in bread (mafalde).

Non sono mai riuscito a trovare la ricetta ufficiale, ne’ a sapere come i “panellari” riescono a dare la tipica forma alle panelle. Questa ricetta e’ frutto della mia esperienza in vari tentativi. Allora, diciamo che dividiamo la ricetta in tre fasi.

Fase 1: preparazione dell’impasto delle Panelle

Ingredienti:

  • 250g di farina di ceci
  • 1lt di acqua
  • sale e pepe

Avrete bisogno di una ciotola, di una frusta da cucina, di una pentola e una forma da plum cake. La forma di plum cake non deve essere troppo larga, diciamo tra gli 8cm e i 10cm, altrimenti la fetta non viene della forma giusta.
NOTA BENE: fate questa operazione PRIMA di qualsiasi altra cosa, perche’ la farina di ceci tende a raffreddare velocemente e -a meno di avere un aiutante- non avrete tempo dopo. Cospargete la forma di plum cake di olio di oliva e tenetela a portata di mano.
Mettete la farina in una ciotola e piano piano aggiungete l’acqua e iniziate a mescolare con la frusta. Durante questa fase, fate in modo che non si formino grumi. Riversate il composto nella pentola e cominciate a farla cuocere a fuoco medio/basso mentre continuate a mescolarla con la frusta. Aggiungete sale e pepe (se desiderate). Alcuni mettono il prezzemolo tagliato finemente, ma io odio il prezzemolo. Praticamente risultera’ una “polentina” di farina di ceci. Quando e’ pronta, riversate immediatamente il contenuto nella forma di plum cake, livellando la “polentina”: state bene attenti perche’ si raffreddera’ velocemente. Coprite con della pellicola e lasciate riposare per circa 24 ore.

Fase 2: preparazione del pane “mafalda”

Ingredienti:

  • 350 gr di farina di grano duro
  • 150 gr di farina 00
  • 300-400 gr di acqua
  • 20 gr di lievito di birra
  • 2 cucchiaini di sale
  • 2 cucchiai di olio d’oliva
  • 1 cucchiaino di miele
  • semi di sesamo

Far sciogliere il lievito in una parte d’acqua. Versare nell’impastatrice le farine,l’olio,il miele e il lievito pian piano. Aggiungere la restante acqua ed infine il sale. Far andare per 10 min.Rovesciare sul tagliere e battere la pasta per alcuni minuti.Mettere in una ciotola unta d’olio e far lievitare 1 ora.
Lavorarlo nuovamente e fare due palle. Formare due filoni, fare una serpentina,arrivare fino alla fine e sollevare l’ultimo tratto, passare sulla serpentina stessa e fissare l’estremità. Pennellare con acqua e spargere sopra i semi di sesamo.
Disporli in teglia e far lievitare per 1 ora e mezzo.Infornare a 210° per 15 minuti, poi abbassare la temperatura a 190-200° per altri 10 min. Infine appoggiare il pane sulla griglia e far cuocere ancora una quindicina di minuti

Fase 3: frittura delle panelle

Passate 24 ore, la polentina di ceci si sara’ solidificata. Girate la forma di plum cake al contrario e fate scivolare delicatamente il composto su di un tagliere. Con una lama ben affilata, tagliatele in fette di 3-4mm e appoggiatele delicatamente su di uno strofinaccio, in modo da far assorbire l’umidita’.

Mettete sul fuoco 2-3lt circa di olio di semi di girasole in una pentola per fritti. Prima di iniziare a friggere, aspettate che l’olio di semi sia ben caldo….  cominciate a friggere le panelle e fate in modo che abbiano la classica doratura. Le panelle sono da mangiare calde, quindi tagliate il panino e mettete almeno due strati di panelle dentro. Mettete sale e pepe. Alcuni mettono anche il limone.

Alcuni “golosoni” come me possono friggere anche delle crocchette di patate, in modo da fare la tradizionale “pane, panelle e crocche'”.

Il risultato finale e’ nella foto …. Buon appetito!